Sulle tracce degli Etruschi - Claudio Maccherani, Perugia, 2014

04 - Orvieto ipogea, 30/07/1997 (Claudio, Vera, Godoy, Maria José - 14 foto di Claudio Maccherani )

 

Orvieto

Notizie attendibili riguardanti i primi insediamenti umani risalgono al VII secolo a.C., ma è da ritenersi che il luogo fosse già abitato sin dall'Età del bronzo e del ferro.

Denominata dai romani "Volsinii" sorgeva nei pressi di un famoso santuario etrusco, Fanum Voltumnae, meta ogni anno degli abitanti dell'Etruria che vi confluivano per celebrare riti religiosi, giochi e manifestazioni. La città ebbe, dall'VIII al VI secolo a.C., un notevole sviluppo economico, di cui beneficiavano ricche famiglie, e un incremento demografico che mostra l'apertura di una città multietnica. La città raggiunse il massimo splendore tra il VI e il IV secolo a.C. Era una delle città-stato della dodecapoli etrusca.

Tra la fine del IV e l'inizio del III secolo a.C. l'equilibrio sociale che aveva permesso la crescita della città, si incrinò, i ceti popolari conquistarono il governo della città, il dissidio tra le classi divenne violento, e i nobili chiesero aiuto ai Romani. Questi, nel 264 a.C., colta l'occasione, inviarono l'esercito a Volsinii e, invece di sottometterla, la distrussero e deportarono gli abitanti scampati all'eccidio sulle rive del vicino lago di Bolsena, dove sorse Volsinii Novi (Bolsena).

 
galleria foto

  
 by Claudio Maccherani, 2012


visualizza foto